ANVA CONFESERCENTI MOLISE COMUNICA A TUTTI I CITTADINI

In considerazione che i giorni prefestivi e festivi ricadono in zona Arancione, nel rispetto del DPCM del 3.12.2020 e del Decreto Legge 5 Gennaio2021 n.1, il tradizionale mercato del sabato si può consentire.

Resta inteso il rispetto delle norme relative all’uso dei presidi di protezione individuale, del distanziamento sociale e della igienizzazione

 

                                                              

Condividi
Leggi tutto

Assoturismo, Aigo, Assoviaggi, Federagit, Fiepet, Federnoleggio chiedono all’Assessore Vincenzo Cotugno la convocazione di un tavolo tecnico del turismo

La cordinatrice dell’ Assoturismo Confesercenti Regione Molise in rappresentanza di tutte le categorie Confesercenti operanti nel turismo, Aigo, Assoviaggi , Federnoleggio, Federagit, Fiepet,  con una lettera inviata all’Assessore al Turismo Dott. Cotugno Vincenzo ha richiesto la convocazione di un tavolo tecnico  poiché è necessario avere un confronto per affrontare la  drammatica situazione in cui versa il Turismo che, in questo momento  risulta essere indubbiamente il settore più colpito,

Una concertazione delle parti costituisce il presupposto e stimolo per iniziare a riflettere e ragionare sulle modalità da attuare per il rilancio dei nostri territori e per l’avvio e la ripartenza dell’economia turistica.

Secondo quanto descritto nel Piano Strategico del Turismo approvato del dicembre 2019 è emersa l’importanza della costituzione della cabina di regia per proseguire verso un confronto con le parti sociali presenti sul territorio e discutere su proposte ed iniziative riguardanti il settore del turismo molisano. Ad oggi dopo quanto è accaduto a seguito del COVID 19 si ritiene sollecitare l’Ente Regione e l’Assessorato al Turismo nell’attuare e proseguire il dialogo.

Il Molise necessita di una nuova legge regionale sul Turismo dove si richiedono regole nella disciplina di ogni singolo comparto che coinvolge il settore del turismo. Nuove regole che abrogano le vecchie secondo la direttiva europea e nazionale, per arrivare verso una nuova dimensione organizzativa che coinvolge l’intero settore.

 Ora si rende necessario un supporto della Regione.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Condividi
Leggi tutto

LA CONFESERCENTI REGIONE MOLISE E’ SEMPRE A FIANCO DELLE IMPRESE

E’ un periodo molto impegnativo per la nostra Regione ed il mondo del commercio e del turismo, che rappresenta l’ossatura economica e sociale dell’Italia, vive un momento estremamente delicato. L’economia delle nostre città è in ginocchio a causa del perseverare dell’emergenza CoronaVirus e delle restrizioni per le attività, molte imprese sono in procinto di chiudere definitivamente.

Siamo convinti che, questo sia il momento dell’unità, della condivisione e dello sforzo comune: le emergenze che hanno interessato l’Italia hanno sempre mostrato una comunità viva, propositiva, e pronta a ripartire ed a riprendere il cammino interrotto.


“E’ in questa ottica, nella responsabilità di rappresentare le imprese del nostro territorio ed i loro lavoratori, la Confesercenti settimana fa ha chiesto ai sindaci dei comuni Principali del Molise  l’adozione di alcune misure, come una moratoria dei tributi locali per tutto l’anno 2020 e l’esenzione del pagamento dei parcheggi agevolando in tal modo anche le attività ubicate in città.

E’ l’obiettivo della Confesercenti essere la voce delle aziende molisane sofferenti, perché siamo operatori economici e siamo cittadini ed il nostro primo obiettivo è pretendere e garantire equilibrio tra misure di protezione sanitaria e misure di sostegno economico, indispensabili per far la nostra Regione.

Noi restiamo in attesa fiduciosi di un riscontro positivo da parte dei sindaci.

Condividi
Leggi tutto

Ora basta. Siamo stanchi di sentire e subire dalle Istituzioni, a partire da Governo, Regioni e Comuni, restrizioni o annunci che limitano la nostra possibilità di lavorare e le aperture delle nostre attività, come se il coronavirus venisse contratto solo all’interno degli esercizi commerciali. Nessuno che si pone seriamente il problema di come le persone che vi lavorano possano andare avanti, come faranno a pagare le tasse, gli affitti, le utenze, i loro dipendenti. Vogliamo ricordare che l’Agenzia delle Entrate ha sospeso le cartelle esattoriali fino al 31 dicembre, non le ha abolite, quindi, le ha solo rimandate. Se le aziende destinatarie hanno avuto problemi prima della pandemia e di conseguenza, loro malgrado, si sono trovate a decidere se pagare le tasse o dare da mangiare alle proprie famiglie, come si può pensare di far partire a gennaio quelle cartelle momentaneamente sospese se le stesse aziende contribuenti, quest’anno, non hanno avuto la possibilità di lavorare e percepire entrate sufficienti per versare sia le vecchie tasse che quelle nuove? È chiaro che non verranno pagate. Negli ultimi giorni sta passando un solo messaggio: chiudere. Noi siamo ben consapevoli che il problema è molto grave, perchè a rischio c’è la salute di tutti. Ma non possiamo accettare che se ne facciano carico a livello economico solo le piccole imprese e i loro dipendenti. Se ci sono da fare sacrifici per cercare di debellare questo virus li dobbiamo fare tutti. Non riteniamo giusto che politici, dipendenti pubblici, dirigenti, a tutti i livelli, così come i pensionati da una certa fascia in su, si vedano puntualmente arrivare il bonifico sul conto corrente a fine mese e le piccole aziende accumulino solo costi e tasse. Non è e non vuole essere una guerra tra poveri ma i piccoli commercianti e artigiani sono ormai alla canna del gas. Una menzione su 2 categorie in particolare: gli operatori che lavorano nelle sagre, che sono dimenticati ormai da marzo, e i fieristi, che da poco tempo avevano finalmente ripreso a lavorare dopo mesi fermi. Con l’ultimo Dpcm vengono nuovamente stoppati, non si capisce il motivo se le loro attività si svolgono all’aria aperta e con le dovute precauzioni. Altra categoria che merita attenzione sono i giostrai, ormai fermi e abbandonati per le stesse disposizioni. Crediamo che si stia tirando troppo la corda. Ricordate che quando il popolo ha fame prima o poi reagisce ed alza il tono della protesta. Pertanto chiediamo alla classe dirigente che vengano abolite le tasse per tutto l’anno e non sospese per poi ritrovarsele sul groppone dopo, insieme alle nuove. È una misura che riteniamo fondamentale e urgente per evitare il collasso delle piccole imprese.

Il Presidente

Pasquale Oriente

Condividi
Leggi tutto

ECOBONUS: AIUTI PER I LAVORI DI EDILIZIA

L’Ecobonus al 110%, o Superbonus, è una delle novità di maggiore rilievo introdotte dal Decreto Rilancio (articolo 119 del DL 34/2020) che ha innalzato la detrazione fiscale prevista per gli interventi di riqualificazione energetica e di adeguamento antisismico al 110%, offrendo di fatto la possibilità di ristrutturare gli immobili a costo zero, a patto di rispettare determinati vincoli e paletti.

Ecobonus 110%, prevede detrazioni in 5 anni, oltre alla possibilità di cedere il credito, per i lavori di efficientamento energetico di case e condomini.

  • Il super bonus copre le spese effettuate tra il 1° luglio 2020 e il 31 dicembre 2021.

I beneficiari del super bonus per la riqualificazione energetica sono:

  • Persone fisiche (compresi familiari dei proprietari e conviventi, a patto di essere loro a sostenere le spese di riqualificazione)
  • Condomini
  • IACP
  • Cooperative di aggregazione
  • Enti senza scopo di lucro per l’utilità sociale
  • Associazioni sportive dilettantistiche

Per accedere al bonus è necessario effettuare almeno uno di questi interventi, detti trainanti:

  • Coibentazione con isolamento a cappotto
  • Sostituzione degli impianti di riscaldamento, raffrescamento o fornitura di acqua calda
  • Interventi di demolizione e ricostruzione in chiave di risparmio energetico (o antisismica)

Gli interventi trainanti, ti permettono di includere nel super bonus altri interventi di riqualificazione energetica, come la sostituzione degli infissi.

Per beneficiare della detrazione, la classe energetica della casa dovrà fare un salto di almeno due classi (una quando non fosse possibile per ragioni strutturali).

E’ in programmazione presso la sede della Confesercenti di Campobasso un’incontro con uno staff di professionisti tra cui un’ ingegnere, il Presidente della Banca BCC di Gambatesa,  l’impresa edile, la responsabile del CAF Confesercenti, per partecipare all’incontro prenotati chiamando il numero 0874-412209

Condividi
Leggi tutto

ORDINANZA SINDACALE: LIMITAZIONI ORARI DEI PUBBLICI ESERCIZI

Con ordinanza sindacale numero 21, l’Amministrazione comunale di Campobasso, ha stabilito le limitazione degli orari dei pubblici esercizi di somministrazione alimenti e bevande (bar, ristoranti, pizzerie, etc.) e di vendita generi alimentari e divieti di vendita da asporto a tutela del decoro e della sicurezza urbana, in vigore da sabato 12 settembre.

Condividi
Leggi tutto

Il MOLISE RESISTE “CREANDO IMPRESA”

FINANZIAMENTI PER DISOCCUPATI PER LA NASCITA DI NUOVE ATTIVITA’ IMPRENDITORIALI

E’ stato pubblicato l’Avviso “Creazione d’impresa” per supportare, attraverso servizi reali e servizi finanziari, la nascita di nuove imprese nel territorio molisano. La gestione operativa è stata affidata  a Sviluppo Italia Molise.
“Creazione d’Impresa” è uno strumento pensato per promuovere la nascita di nuove attività imprenditoriali quale possibile risposta alla richiesta di occupazione in Molise. Si tratta di un intervento che, oltre a mettere a disposizione risorse finanziarie a fondo perduto con una percentuale fino al 90%, concede servizi di accompagnamento alla progettazione di impresa e di assistenza tecnica allo start-up cosi da ottimizzare l’utilizzo delle risorse, diffondere la cultura della progettualità, aiutare la crescita di tutto il territorio. Prevede specifiche riserve per le Aree interne e per i lavoratori del bacino dell’Area di crisi complessa. 
La dotazione finanziaria complessiva, derivante da risorse del POR Molise FESR-FSE 2014/2020, POC Molise 2014/2020, è pari a euro 3.948.040,00.  
Le agevolazioni sono destinate a disoccupati con un’età compresa tra i 18 e i 65 anni non compiuti, che siano residenti o intendano trasferirsi in Molise. Sono agevolati con un finanziamento a fondo perduto per  iniziative da impiantare ex novo e anche progetti di consolidamento che prevedono il subentro nella conduzione di aziende esistenti (ricambio generazionale).
Le domande possono essere presentate dalle ore 12.00 dell’8 settembre 2020 alle ore 12.00 dell’8 ottobre 2020

La Confesercenti si rende disponibile attraverso uno staff di consulenti e progettisti per realizzare la tua idea, il tuo progetto, il tuo futuro.

Chiama il numero 0874-412209 oppure invia una email a bandi@confesercenticb.it

Condividi
Leggi tutto

Confesercenti in lutto

E’ morto prematuramente il nostro Direttore Regionale. Ci mancheranno le sue idee e il forte impegno in difesa dei territori marginali. Dirigenti e iscritti all’Organizzazione di categoria si stringono con immenso dolore alla sua famiglia.

Condividi
Leggi tutto

Un patto di lealtà e rispetto delle regole tra balneatori e turisti per superare le difficoltà prodotte dal Covid-19 e rendere serena la vacanza delle famiglie che arriveranno sulla costa molisana

Il mare rappresenta una importante risorsa per la nostra economia regionale e nazionale. Lo sappiamo noi balneatori che aderiamo a Confesercenti ma anche i cittadini e le Istituzioni. Per questo, dopo l’emanazione delle ordinanze nazionali e regionali ci siamo mossi per mettere in sicurezza gli stabilimenti balneari, bonificando gli spazi e rivedendo le distanze tra un ombrellone e l’altro. Lo abbiamo sempre fatto perché teniamo alla salute dei nostri clienti storici e per quelli che verranno per la prima volta nei nostri stabilimenti balneari. Ma quest’anno la nostra attenzione sarà ancora più scrupolosa. Spiaggia pulita, attenzione minuziosa ai bisogni dei nostri clienti, sanificazione diffusa e continuata durante tutta la giornata, informazione sulle norme da rispettare: sono i nostri punti di forza. Non è un caso se la FIBA – CONFESERCENTI – a livello nazionale, già nel 2018, ha firmato un accordo con WWF Italia contro l’inquinamento da plastica e anche noi a livello locale condividiamo. Sappiamo insomma che lo sforzo maggiore per garantire sicurezza e ambiente lo dobbiamo fare noi operatori turistici ma chiediamo ai nostri clienti di siglare un patto non scritto di lealtà e rispetto che possa aiutarci a passare un’estate al mare con la massima sicurezza. Il Coronavirus ci ha resi tutti più fragili ma proprio per questo occorre una corale e unitaria azione di contrasto per prevenire tutti i rischi che possono nascondersi dietro comportamenti non rispettosi delle norme in vigore. Più che la repressione, noi operatori turistici aderenti alla Confesercenti, lavoriamo, come abbiamo sempre fatto, sulla prevenzione. Chiediamo a tutte le sigle sindacali dei balneatori di lavorare con spirito costruttivo e unitario, recuperando un dialogo anche con le istituzioni locali e regionali, per garantire servizi di qualità e nella massima sicurezza, a tutti i turisti che arrivano sulla nostra costa in un momento assai delicato per i cittadini di ogni parte del mondo. 

FIBA – CONFESERCENTI 

Condividi
Leggi tutto

Revoca limitazioni orari di bar, ristoranti, pizzerie e pub

Con ordinanza sindacale numero 17, l’Amministrazione comunale di Campobasso, ha revocato il provvedimento della temporanea limitazione (anticipazione) degli orari di chiusura dei pubblici esercizi di somministrazione alimenti e bevande (Bar, Ristoranti, Pizzerie, Pub) e degli esercizi di vendita di generi alimentari.

Condividi
Leggi tutto